Gli apparecchi acustici aiutano a mantenere efficiente il cervello

tempo di lettura: 5 minuti
di
22.11.17
Una coppia anziana ride insieme 

Con l’avanzare dell’età, ciò che è essenziale per mantenere il cervello efficiente è continuare ad essere mentalmente impegnati conducendo una vita sociale attiva. Un udito in buona salute gioca un ruolo centrale per mantenersi in contatto con le persone e il mondo circostante. Quando la perdita dell’udito interferisce con la capacità di impegnarsi a livello sociale, si corre un rischio di declino cognitivo maggiore rispetto alle persone con un udito normale. Fortunatamente, si possono adottare misure per migliorare l’udito, mantenere il cervello efficiente e rallentare il declino cognitivo accelerato legato alla perdita dell’udito.


Prima il cervello

Qual è il collegamento tra la salute dell’udito e il cervello? Il processo uditivo inizia dal cervello. Il cervello e le orecchie lavorano in sinergia ed è il cervello a svolgere il lavoro più gravoso. Il cervello elabora e interpreta i suoni percepiti dalle orecchie. Ed è nel cervello che le onde sonore diventano suoni riconoscibili. Il cervello usa le informazioni che gli vengono trasmesse da entrambe le orecchie per orientarti individuando la direzione da cui proviene il suono. Questi processi ti aiutano a focalizzarti su una conversazione e a isolare i rumori indesiderati.

Quando hai una perdita dell’udito, i segnali sonori percepiti dal cervello sono compromessi. Il cervello non riceve le informazioni sonore di cui ha bisogno per dare un senso ai suoni e deve compiere uno sforzo maggiore per colmare questo gap. Lo sforzo in più necessario per sostenere una conversazione può farti sentire stanco e frustrato. Potresti iniziare a chiuderti in te stesso e a evitare le relazioni sociali che sono così importanti per la salute del cervello.


No ai rischi di una perdita dell’udito non corretta

Molti studi hanno messo in evidenza un legame tra perdita dell’udito non corretta e isolamento, depressione e molti altri problemi di salute. Se il tuo udito si è ridotto, è probabile che tu abbia anche maggiori difficoltà a pensare e a ricordare rispetto a persone adulte di età superiore alla tua ma con un udito normale. I ricercatori hanno anche trovato una correlazione tra perdita dell’udito e declino cognitivo. Se hai una perdita dell’udito e non usi apparecchi acustici, hai un rischio più elevato di declino cognitivo accelerato.


Escursioni in coppia 

Attivati per risolvere la perdita dell’udito

Portando attivamente gli apparecchi acustici per correggere la perdita dell’udito, si riduce il proprio rischio di declino cognitivo. Questa è la conclusione a cui sono giunti i ricercatori nell’ambito di un importante studio1 che ha coinvolto circa 4000 volontari nell’arco di 25 anni. Nello studio, le persone con perdita dell’udito che portavano apparecchi acustici ed erano socialmente attive hanno avuto un declino cognitivo con una progressione analoga a quello delle persone senza problemi di udito. I ricercatori ritengono che la capacità di udire meglio migliori l’umore, aumenti le interazioni sociali e favorisca una maggiore partecipazione in attività che stimolano il cervello.


Indossa i tuoi apparecchi acustici ogni giorno

Gli apparecchi acustici possono aiutarti a rimanere socialmente attivo solo se li indossi regolarmente. Evita di tenerli nel cassetto. Approfitta di questo modo facile e collaudato per stimolare il tuo cervello. Come qualsiasi altro esercizio, il dare e ricevere mentale dell’interazione sociale ti aiuterà a mantenere il tuo cervello efficiente e a rallentare il declino cognitivo legato alla perdita dell’udito.


Non aspettare

Ti sembra che le persone bisbiglino confusamente più di quanto non facessero prima? Hai difficoltà a seguire una conversazione? I tuoi familiari si lamentano per il volume della TV? Forse è il caso che tu faccia un controllo dell’udito.

La semplice mossa di fissare un appuntamento dal tuo audioprotesista locale potrebbe essere uno dei passi importanti da fare per mantenere efficiente il tuo cervello. Nel caso venga individuata una perdita dell’udito, sono disponibili diversi tipi di apparecchi acustici, moderni e discreti - molto di più rispetto a 10 anni fa. Le soluzioni attuali preservano il più possibile la qualità e le caratteristiche naturali dei suoni in modo che il cervello riceva tutte le informazioni necessarie per dare un significato ai suoni. 


Un uomo in bicicletta



1Hélène Amieva, «Self-Reported Hearing Loss: Hearing Aids, and Cognitive Decline in Elderly Adults: A 25-year Study», Journal of the American Geriatrics Society.

0 commentari

commenti